Pagina iniziale  Guestbook  FORUM  Tuo Account  Cambia Template  Guida al Sito  il creatore: [[[ SILVER ]]]  Ariafritta in TV  Esci - Logout vota:  


· Pagina iniziale
· Cartoline Animate
· Eventi in corso
· Privacy
· Scrivici
· SITI TOP
· Tips & Tricks
· Tuo Account
· Vostre Poesie
· Vostri Giornali



.:: Frivolezze ::.
.:: Utilità ::.
.:: Nel Sito ::.



Ciao viandante
Nickname
Password

Non hai l'Account?
[[ CREALO QUI ]]
Iscritti:
Ultimo: clo44
Totale: 7621

Online adesso:
Visitatori: 162
Iscritti: 0
Totale: 162





Mondofritto








WebSito

Giornale personale

[ Directory del Giornale | Crea un Account ]

Gli utenti iscritti a questo sito hanno automaticamente la possibilità di creare un loro Giornale personale e postare commenti.

MAMMA MIA...
Postato il: 21-04-2009 @ 05:19 pm -- letto 2270 volte

MAMMA MIA.... Quando più di un milione di anni fa l’essere umano divenne eretto, era già conformato dalla natura, come tutti i mammiferi, in due parti, o generi, ben distinti, in reciproca attrazione per la conservazione della specie.
L’homo erectus era fatto per la caccia, la corsa, la lotta, la difesa del territorio, e l’aggressione. L’altro genere,l ‘homa più morbida, meno aggressiva, conformata come portatrice di vita e custode della specie stessa, in grado non solo di generare, ma di produrre da se il primo sostentamento per il cucciolo d’uomo.
Poi la storia, tessuta di piccoli e grandi eventi ha trasformato ma non cambiato il senso delle cose, a meno che non ci sia messo d’impegno “l’homo scientificus” con la mania di scimmiottare Dio o la Natura illudendosi di essere un vero creativo.
Ma torniamo alle mamme, alle donne, tutte madri potenziali, che seppure non hanno generato figli, sono in grado di rappresentare il senso della maternità nell’aiutare, nel sostenere, nel nutrire, nel curare, nell’assistere, nel comprendere chiunque abbia bisogno di aiuto…anche se possono esistere eccezioni…che come si sa, servono a confermare la regola.
Questo è il senso della Madre, secondo il mio punto di vista, ed è per questo motivo che, mentre riflettevo con grande dispiacere e speranza sui fatti del grave sisma in Abruzzo, sono stata attratta da una speciale iniziativa, che malgrado il mio cinismo disincantato, mi è sembrata commovente, anche se molto meno di chi a rischio della propria vita, senza che i mas media se ne interessassero più di tanto…. era a l’Aquila nel momento del peggiore terrore, a scavare a mani nude, per aiutare, per cercare di salvare. Per un attimo il mio Paese mi è sembrato quello che ho sempre immaginato…ma io sono un’inguaribile romantica e dopo qualche giorno mi sono dovuta ricredere alla luce della realtà dei fatti, perché la musica politica era sempre la stessa.
Certo, sarebbe stato bello se i parlamentari di tutti i colori avessero rinunciato ad una settimana del loro appannaggio, e così avessero fatto i grandi ricchi ed i vari nuovi ricchi che “si riempiono di soldi” dimenandosi in TV, trasformando la vita in una sorta di “telespappola” o, correndo tutti insieme e per di più in mutande, dietro ad una palla… invece sono sempre i piccoli che mandano un euro via sms, ma insomma l’importante, come predica sempre mia figlia... è partecipare davvero nel modo che ci è più congeniale.
Ebbene, lasciatemi dire con quanta, sempre cauta, meraviglia ho saputo che da una delle stanze dei bottoni, una Mamma, mia cara amica, annichilita dagli eventi, dopo avere superato, come tutti, un senso di grande “impotenza” ha coinvolto tutte le mamme potenziali di buona volontà, in una sorta di mutuo soccorso emotivo morale e realistico, verso i confratelli Abruzzesi, perché sentissero che qualcosa cambia perché saranno le donne, madri di ieri di oggi e di domani che avranno detto basta al pressappochismo, basta con lo sfruttamento dei dolori altrui per farne magari share, basta con le lacrime di scena e soprattutto basta riempirsi la bocca con un buonismo da un tanto al Kilo, nascondendo ad arte la vera ragione della nuova religione dello stato sociale.
Infatti in giro per il web, si trovano i “controtendenza” che confezionando filippiche, sfruttano essi stessi il momento del dolore altrui a proprio uso e consumo, il che mi fa diventare una belva in uno zoo…
Nelle mamme ci credo ancora, naturalmente salvo verifica e controllo, questo è scontato, infatti ho avvisato dell’evento diverse mie care e giovani amiche, perché, se possono, siano presenti ai fatti, perché vigilino, perché nessuno possa permettersi di usare le disgrazie per i propri comodi, per capire e far capire il senso del dolore e della disfatta, per suggerire e sostenere tutti coloro che ne hanno bisogno, con una carezza, un gesto materno, un sostegno di tutti i generi, perché sia fatta giustizia senza trasportare tanta sabbia dal mare com’è capitato spesso.
E le mamme hanno risposto con fermezza, con entusiasmo e forse anche con un pò di confusione.
Alle donne, potenziali madri, credo ancora, seppure con riserva.

Se cercate la parola mamma nel dizionario, scoprirete che è un vezzeggiativo affettivo con cui tutti chiamano la madre, c’è anche chi sostiene, tra i filologi che la parola è stata inventata dai piccoli nel ciangottare le prime parole, e che ha una matrice simile in molte lingue, cosa che non mi meraviglia affatto.
Ho scelto l’immagine presa a prestito nel web del film “mamma mia” perché è forse l’unica che può illustrare il mio pensiero, mi ha commosso il significato che io ci ho letto, è fantastico vedere donne di tutti i tipi e livelli sociali, dalla contadina alla VIP, che ritrovano improvvisamente il filo conduttore della vita, che riscoprono in loro stesse la fanciulla di sempre, pronta a mettere a rischio se stessa per cercare un senso complessivo, quasi in una sorta di follia “matrilineare” che non ha colori e fazioni diverse poiché il colore della mamma è sicuramente il bianco splendore della Luna piena.
Aspi =Gabry®


Frustrated.gif


Ultimo aggiornamento il 28-05-2009 @ 03:44 pm



Vedi altro
Vedi altro
Profilo utente
Profilo utente
Crea un account
Crea un Account

Commenti postati
Gli utenti Registrati possono postare un commento

Commento di: maty
(Postato il 01-05-2009 @ 02:57 pm)

Commento: ...Mi piace!!! Brava!!! Non solo ciò che hai scritto,ma anche il riuscire a mettere in movimento il pensiero: si,è tutto così!!!!! In particolar modo come hai saputo associare il colore della mamma al bianco splendore della luna piena: sarà perchè mi incuriosisce sempre tutto ciò che riguarda la luna??????? O perchè mi sento anch'io una di queste mamme...pronte a dimostrare di cosa siamo realmente capaci???????? Grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee......sono orgogliosa di te,di noi tutte...ciaooooooo

ARIAFRITTA


Ariafritta è un Sito fatto di semplice umorismo e non contiene volgarità di nessun genere.
Tutto il materiale di proprietà di Ariafritta è coperto da Copyright ©. Vietata la copia senza il consenso del Webmaster.