Pagina iniziale  Guestbook  FORUM  Tuo Account  Cambia Template  Guida al Sito  il creatore: [[[ SILVER ]]]  Ariafritta in TV  Esci - Logout vota:  


· Pagina iniziale
· Cartoline Animate
· Eventi in corso
· Privacy
· Scrivici
· SITI TOP
· Tips & Tricks
· Tuo Account
· Vostre Poesie
· Vostri Giornali



.:: Frivolezze ::.
.:: Utilità ::.
.:: Nel Sito ::.



Ciao viandante
Nickname
Password

Non hai l'Account?
[[ CREALO QUI ]]
Iscritti:
Ultimo: clo44
Totale: 7621

Online adesso:
Visitatori: 157
Iscritti: 0
Totale: 157





Mondofritto








WebSito

Giornale personale

[ Directory del Giornale | Crea un Account ]

Gli utenti iscritti a questo sito hanno automaticamente la possibilità di creare un loro Giornale personale e postare commenti.

lacrime
Postato il: 11-01-2006 @ 01:33 pm -- letto 2628 volte

QUANDO DIO CREO' IL SOCCORRITORE
 Quando Dio stava creando il soccorritore, ed era al suo sesto giorno  di lavoro straordinario, ecco che un angelo apparve e disse: "ci stai  mettendo un bel po' intorno a questa creatura?!!" E il Signore rispose: "Hai letto i requisiti per il soggetto? Un  soccorritore deve essere in grado di recuperare una persona ferita  nell'oscurità, in un dirupo ricoperto di erba umida, schivare  proiettili vaganti per raggiungere un inerme bimbo morente, entrare in  case in cui un ispettore di igiene nemmeno si avvicinerebbe e tornare  senza neanche un filo fuori posto sull'uniforme. Deve essere in grado  di sollevare tre volte il proprio peso, strisciare dentro auto  accartocciate dove è presente a malapena lo spazio per respirare,  consolare una madre disperata mentre pratica manovre rianimatorie al  figlio, già sapendo che il bambino non respirerà più. Deve essere al  proprio massimo della propria condizione mentale in ogni momento,  andando avanti a caffè nero, pasti consumati a metà e niente sonno. Deve avere sei paia di mani." L'angelo scosse la testa e disse: "sei paia di mani???." non c'è modo  di farcele stare!!" "Non sono le mani a darmi problemi - riprese il  Signore - ma le tre paia di occhi" "Tre paia di occhi sul modello standard?" Chiese l'angelo. Il Signore annuì: "un paio per controllare la presenza di ferite  mentre si prende cura di un paziente prima di chiedere se è HIV  positivo. Un altro paio qui, sui lati della testa, per controllare la  sicurezza del suo collega. Il terzo paio sul davanti per poter  guardare una vittima sanguinante dicendo - .Tutto a posto, non si  preoccupi. - pur pensando il contrario". "Signore - disse l'angelo con  tono di voce che denotava ancor più rispetto - ora devi riposare; continuerai il lavoro domani". "Non posso - replicò il Signore - Ho già un modello in grado di  convincere un ubriaco di 120 Kg. ad uscire dall'auto senza provocare  incidenti e di dare da mangiare ad una famiglia con poco più di mille  euro al mese". L'angelo girò lentamente intorno al modello del soccorritore, poi  chiese: "posso pensarci io?" "Certo - disse il Signore - lo si deve  rendere capace di indicare i sintomi di più di cento malattie e  ripetere la posologia dei farmaci anche nel sonno; deve saper  intubare, defibrillare, medicare ferite, continuare la rianimazione  cardiopolmonare anche in condizioni ambientali che farebbero tremare  qualsiasi medico senza per questo perdere il buon umore. Questo  modello deve avere anche il controllo formidabile di sé stesso. Dovrà  operare con traumatizzati gravi, convincere anziani spaventati ad  aprirgli la porta, confortare le famiglie di vittime di omicidi ed  infine leggere sul giornale, solo, che i soccorritori non sono  riusciti a raggiungere una casa in tempo per evitare la morte di una  persona... una casa su una via senza cartello che ne indicasse il  nome, senza un numero civico, e senza che il chiamante lasciasse un  numero di telefono da ricontattare". Al termine l'angelo si piegò sul soccorritore e passò un dito sulla  guancia. "C'è una perdita - esclamò - l'avevo detto che stavi mettendo  troppe cose dentro a questo modello". "Non è una perdita" disse il Signore. "Ah ho capito - ribatté l'angelo - E' per le emozioni sepolte, per i pazienti che hanno tentato invano di salvare, per l'impegno di credere di riuscire a fare la differenza nelle probabilità di sopravvivenza di una persona. è per la vita". "Sei un genio" sussurrò l'angelo.  Il Signore lo guardò serio e disse: "Non ce l'ho messa io."
Eek.gif


Ultimo aggiornamento il 11-01-2006 @ 01:33 pm



Vedi altro
Vedi altro
Profilo utente
Profilo utente
Crea un account
Crea un Account


Ariafritta è un Sito fatto di semplice umorismo e non contiene volgarità di nessun genere.
Tutto il materiale di proprietà di Ariafritta è coperto da Copyright ©. Vietata la copia senza il consenso del Webmaster.