Pagina iniziale  Guestbook  FORUM  Tuo Account  Cambia Template  Guida al Sito  il creatore: [[[ SILVER ]]]  Ariafritta in TV  Esci - Logout vota:  


· Pagina iniziale
· Cartoline Animate
· Eventi in corso
· Privacy
· Scrivici
· SITI TOP
· Tips & Tricks
· Tuo Account
· Vostre Poesie
· Vostri Giornali



.:: Frivolezze ::.
.:: Utilità ::.
.:: Nel Sito ::.



Ciao viandante
Nickname
Password

Non hai l'Account?
[[ CREALO QUI ]]
Iscritti:
Ultimo: clo44
Totale: 7621

Online adesso:
Visitatori: 26
Iscritti: 0
Totale: 26





Mondofritto








WebSito

Giornale personale

[ Directory del Giornale | Crea un Account ]

Gli utenti iscritti a questo sito hanno automaticamente la possibilità di creare un loro Giornale personale e postare commenti.

IL PRESEPIO NON MI È MAI PIACIUTO!!
Postato il: 16-12-2012 @ 03:35 am -- letto 1434 volte

Ebbene sì, lo confesso subito: traditore, anticipai Lucariello. Il presepio non mi è mai piaciuto. Mi ero appena lasciato a camminare e, contemporaneamente, mi fu impedito di mettere le mani nella vecchia cassetta di liquori trasformata da mia madre nel deposito pastori di famiglia. Il presepio di polverosa cartapesta e sughero, messo a dormire per undici mesi e passa sull'armadio della cameriera, solo a guardarlo mi metteva addosso una tristezza infinita. La nonna di mia madre, Concetta Cuciniello, dai pronipoti Dalla Vecchia detta «nonna vecchiarella», apparteneva a quel Michele Cuciniello, architetto e drammaturgo che donò alla città di Napoli il suo famosissimo presepio. Mio padre, alla testa di tutta la famiglia - moglie e otto figli -, una volta l'anno ci conduceva intruppati a San Martino ad ammirare il «presepio di famiglia». Ad ogni visita trovavo sempre più insopportabile l'idea che questo mio lontanissimo parente avesse donato tutto quel po' di ben di Dio al museo, ignorando completamente i diritti dei discendenti. Passavano gli anni, più crescevo e più mi sentivo a tutti gli effetti diseredato.
Da grande, il presepio si è allontanato sempre più da me. Un parente acquisito, molto ricco, raccoglieva i pastori. Ogni qualvolta metteva le mani su qualche «pezzo» di valore mi asfissiava con la descrizione della trattativa e la conclusione positiva, autocompiacendosi per il grande affare. A me, povero in canna, tutto ciò dava un fastidio senza fine.
Ho raccolto tutto o quasi tutto nella mia vita, dalle cose più inutili a cose, per la verità, molto belle, ma non mi è mai passato per la testa di collezionare pastori. Da quelli, almeno, mi sono salvato. Per la verità, una volta soltanto un pensierino l'avevo fatto. Un antiquario di via Carlo Poerio, anni fa, teneva esposta in una sua vetrinetta una figura presepiale attribuita a Giuseppe Gori, una popolana che mi attirava per la sua sguaiata naturalezza. La mia indecisione nell'acquistarla durò tanto a lungo che l'antiquario ebbe anche il tempo di morire. Ebbi così la conferma che per i pastori non era cosa.
Si è scritto e pubblicato tanto sul presepio, su questa tradizione che tanto affascina anche i non napoletani. Volumi bellissimi sono stati editi a cura di storici dell'arte, di valenti studiosi, di colti e raffinati collezionisti, tutte pubblicazioni arricchite da splendide illustrazioni di massi presepiali, i cosiddetti «scogli», Re Magi, pastori, animali, finimenti, costumi e scarabattole regali. Il giornale «Il Mattino», due anni fa, ha regalato ai suoi lettori sessanta magnifiche tavole corredate da una esaustiva presentazione. Cosa posso aggiungere a tutto ciò io che non sono uno studioso né un uomo di cultura e che la tradizione presepiale l'ha dovuta subire sin dalla prima ragione? Posso solo ricordare come definì magistralmente il presepe Michele Cuciniello, sempre lui, il 28 dicembre 1879 a San Martino, il giorno dell'inaugurazione della sua donazione: «Il presepio non è altro che la traduzione in dialetto napoletano della pagina più sublime del Vangelo».
Per la cucina è stata tutta un'altra storia. Praticamente sono cresciuto in cucina. In una casa dove le camere da letto si sprecavano ed era vietato a me l'ingresso in quelle di rappresentanza, il salotto e la camera da pranzo, tutto il mio tempo libero si è consumato solo e soltanto in cucina. Rosetta, la prima delle mie sei sorelle, mi consentiva di essere sempre presente ai suoi primi esperimenti culinari. Ero l'assaggiatore di fiducia: biscotti di pasta frolla, babà, dolci e rustici, crostate, strudel, torte di cioccolata, torte bianche e nere, budini e molti Mont-blanc hanno reso dolce la mia infanzia, fino ai pantaloni lunghi. Non ho mai capito perché le ragazze in cucina cominciano sempre dai dolci e mai dalla pasta e patate. Forse perché nell'inconscio femminile i ragazzi si pensano soprattutto golosi.
Con Rosetta, passata finalmente ai pranzi completi e diventata, presto, una cuoca addirittura sontuosa, è iniziata la mia passione per la cucina, passione che si è sempre più rafforzata col passare degli anni.
La cucina, ritengo, è la vita, la vera vita. Il tempo trascorso a tavola con amici veri, è certamente quello meglio speso. Il comandante Gigino Betocchi, vecchio maestro di vita, un giorno mi disse: «Fa' affari con tutti, ma siedi a tavola solo e soltanto con amici». Insegnamento diventato Stella PoLare della mia lunga navigazione.
Le feste natalizie sembrano fatte apposta per mettere in pratica questo profondo insegnamento.
Per i due pranzi di Natale, quello della Vigilia e quello del 25 dicembre, la tradizione, a tavola, è d'obbligo, mentre, per il Cenone di San Silvestro e per il grande pranzo di Capodanno, si è stemperata fin quasi a scomparire. Ognuno oggi fa quello che vuole.
La cena della Vigilia prevede, per il napoletano verace, regole ben precise. Si comincia presto, alle ore venti, con spaghetti ai frutti di mare in bianco: vongole, lupini o telline, le cozze mai. A seguire pizza di scarole alla «scammera» e cioè le scarole ben acconciate con aglio, olio, capperi, olive di Gaeta e qualche filetto di acciuga. La pasta della pizza potrà essere frolla, sfoglia o meglio ancora brisé. Nella più pura e antica tradizione meridionale la pizza di scarole veniva scambiata come dono tra vicini, parenti e amici. Il pesce in bianco non può e non deve mancare, specie e qualità decise dai gusti e dai mezzi. In alternativa, va benissimo il filetto di mussillo cotto in bianco oppure al forno, con un velo di pan grattato. In sostituzione del mussillo, il baccalà fritto. Per il capitone, stesso discorso, non se ne può fare a meno. Una buona insalata di rinforzo, fatta con cavolfiore bianco di Nola, cotto a mestiere e guarnito con papaccelle, olive bianche e nere, melanzane sott'olio, acciughe e sott'aceti vari servirà a preparare il palato per i dolci. Paste reali, roccocò, raffiuoli con cassata, divino amore, mustacciuoli, susamielli, sapienze: una vera gioia per la vista e per il palato. Si chiude con le "ciociole": noci, mandorle, nocelle, castagne del prete, fichi secchi e proprio alla fine il mellone bianco di Natale. Fino a mezzanotte tombola e poi tutti a Messa.
Il pranzo di Natale impone altre regole: tagliolini in brodo di cappone o di gallina vecchia, minestra di verdure con pollo e carne - quella cosiddetta maritata, con la carne di maiale, è prettamente pasquale -, capretto al forno con patate - mai l'agnello -, il cappone lesso, quello del brodo, cassata napoletana con naspro bianco sottile senza pasta di pistacchio e senza tanta frutta candita come in quella siciliana.
La tradizione finisce qui. Oramai si è alle porte del paradiso, quello più sognato dai napoletani. È invece vicino alle fiamme dell'inferno chi sostituisce le nostre pietanze tradizionali con le penne alla vodka, il riso allo champagne, le farfalle al salmone, il tacchino con le castagne. Quest'ultimo, ancorché benemerito, in verità le vittime le fa subito, direttamente a tavola. A me e a molti altri di mia conoscenza è andato sempre di traverso.©Bettyboop ringrazia Pippo Dalla Vecchia e la sua squisita "napoletanità!!

Frustrated.gif


Ultimo aggiornamento il 16-12-2016 @ 09:47 am



Vedi altro
Vedi altro
Profilo utente
Profilo utente
Crea un account
Crea un Account

Commenti postati
Gli utenti Registrati possono postare un commento

Commento di: canifuendi
(Postato il 16-12-2012 @ 11:59 pm)

Commento: A casa mia non è mai stato di casa il presepio, e visto i personaggi che popolano i presepi odierni, con il mondo della Palestina di 2000 anni fà, poco hanno a che vedere, ciò non toglie che siano molto suggestivi.

Commento di: bettyboop
(Postato il 17-12-2012 @ 02:59 am)

Commento: Finché sono stata in casa dei miei genitori, il presepe c'è sempre stato...quello napoletano, con le statuine che diventavano ogni anno più "vissute" e le oasi fatte con la carta stagnola, un po' distanziate dal macellaio e dal pescivendolo con la loro merce appesa sui fil di ferro!! :-D Quando ho avuto una casa mia, siamo passati al presepe francescano: i personaggi essenziali e poi tutto giocato sulla scenografia, effetti di luce e di suoni. Ora ne ho uno, prêt à porter, se così si può dire, preso ad una mostra peruviana di beneficenza, che ha le ante che si aprono e compare il "presepe". Il 7 gennaio basta chiudere le ante ed aspettare l'anno successivo per riaprirle... A questo punto credo si sia capito che non è vero che «il presepe non mi è mai piaciuto»!!

Commento di: terrypux
(Postato il 17-12-2012 @ 09:09 am)

Commento: No senza presepe non è Natale !! da bambina in casa c'era solo la capanna ,il bambinello ,maria,giuseppe ,il bue e l'asinello ,e sono ancora qui nel mio presepe ,ogni anno aggiungo qualcosa ,ma quella capanna è sempre la stessa e quando la tiro fuori mi ricordo i gesti di mia madre con quanta devozione toccava quelle statuette ,e la sento vicina mentre preparo il mio presepe ,No senza presepe non è Natale .

ARIAFRITTA


Ariafritta è un Sito fatto di semplice umorismo e non contiene volgarità di nessun genere.
Tutto il materiale di proprietà di Ariafritta è coperto da Copyright ©. Vietata la copia senza il consenso del Webmaster.